Progetto espositivo del Liceo Artistico “Nervi-Severini”  per celebrare il Cinquecentenario della Battaglia di Ravenna
Venerdì 13 Aprile 2012  –  Ore 18.00
Galleria Permanente “Antonio Rocchi” Via Pietro Alighieri, 8 – Ravenna

 L’idea nasce in seguito alle riflessioni suscitate dalla visita alla pur affollata Biennale d’Arte 2011 di Venezia, vista da molte classi del Liceo lo scorso ottobre.

Nell’Opera di un artista, Filippo Martinez, si è individuato il richiamo alla Battaglia di Ravenna, la prima grande battaglia moderna in cui si svolge un feroce scontro a fuoco, avvenuta a Ravenna l’11 aprile 1512.

 Il titolo della Mostra nasce da un quadro del 1968 di Gastone Novelli, intitolato appunto Guerra alla Guerra.

Ora, con la collaborazione degli insegnanti delle discipline di laboratorio, di storia e filosofia, si sta realizzando un’opera altrettanto imponente, commemorativa del sacrificio di 20.000 soldati di tutte le Nazioni che oggi compongono l’Europa, che ha prodotto 1138 opere realizzate degli allievi del Liceo ed eseguiti con tecniche architettoniche, pittoriche, scultoree, musive e grafiche.

 Ai lavori degli alunni si sono aggiunte opere di insegnanti, artisti, grafici, fumettisti e note personalità della cultura ravennate, che hanno aderito con disponibilità accettando che loro opere interagissero in modo anonimo con quelle degli alunni, come una vera battaglia per immagini. Prendendo spunto da una battaglia estrema, il fine è di sensibilizzare gli allievi verso riflessioni volte alla valorizzazione degli aspetti psicologici di alcuni comportamenti e comprendere, insieme, il valore del sottilissimo diaframma che talvolta stenta a separare i sogni dai ricordi, le vittorie dalle sconfitte, la vita dalla morte.

 Ogni allievo ha realizzato uno o più elaborati raffiguranti il proprio eroe, che può essere anche un eroe del “quotidiano”, tramite ritratti e/o autoritratti suggeriti dalle riflessioni sull’evento della/e  battaglia/e che saranno composti in un grande mosaico di volti, presunti ritratti dei combattenti della Battaglia di Ravenna e o immagini di eroi della contemporaneità.

Ciò permetterà anche di valutare e di riflettere su come oggi è vista e vissuta la figura dell’eroe, pur sapendo che, come diceva Brecht “Beato il Paese che non ha bisogno di eroi”. Ma l’uomo ha sempre avuto bisogno di eroi, costruiti a propria immagine, anche se più forti e più intraprendenti, ma pur sempre mortali, da Achille a Steve Jobs, dal Che a Peter Pan, da Ulisse a Garibaldi.

 Coordinamento Elena Pagani – Michela Perla

L’allestimento della Mostra è stato realizzato dagli allievi del Liceo Artistico “Nervi-Severini” con la supervisione degli insegnanti e con il supporto tecnico dell’Assistente Tecnico Paola Nappini.

[slideshow id=27]

Guerra alla Guerra Ravenna WebTV

Usa il mouse per navigare all’interno della foto panoramica che segue.

Il Liceo artistico “Nervi -Severini” per la Pro Loco Decimana – San Pietro in Vincoli