In ricordo del grande regista italiano Francesco Rosi, morto il 10 gennaio, autore di grandi film di critica e analisi storica del Novecento italiano, mercoledì 14 gennaio, presso l’Aula Magna del Liceo Artistico “Nervi-Severini” di Ravenna (via Tombesi dall’Ova, 14), si è tenuta la lezione del dott. Alberto Achilli (responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Ravenna) sulla figura di Francesco Rosi (1922-2015) e sul film Il caso Mattei(1972), con Gian Maria Volontè, su soggetto di Tonino Guerra. Vista l’importanza del lavoro e dell’analisi cinematografica di Francesco Rosi per la storia del Novecento, si è scelto di ricordare il grande regista con un film-inchiesta fra i più importanti e ancora molto attuale, rivolto soprattutto agli alunni delle classi quinte che svolgono il programma di storia in vista dell’Esame di Stato, utilizzando sempre più spesso lo strumento filmico per comprendere meglio e approfondire alcuni momenti peculiari del recente Novecento italiano. Per questa ragione si è scelta l’analisi del film dedicato alla misteriosa scomparsa del Presidente dell’ENI, Enrico Mattei che, cercando di realizzare una efficiente industria italiana per gli idrocarburi, si inimicò mortalmente le celebri “Sette sorelle” anglo-americane del petrolio. Per le ricerche necessarie alla documentazione del film, Francesco Rosi si avvalse della collaborazione del giornalista siciliano Mauro De Mauro (fratello del celebre linguista), vero segugio dell’inchiesta che riuscì a trarre informazioni importanti e “scottanti” sul ruolo dei servizi segreti in quello che si è mostrato essere un delitto camuffato da incidente aereo e scomparso nel 1970 in circostanze misteriose, dopo essere stato rapito dalla mafia.

Lezione-proiezione Il caso Mattei - Rosi

Lezione/proiezione aperta a tutta la cittadinanza. Coordinamento prof. Paolo Taroni.