CONVEGNO NAZIONALE  per la redazione del Documento per la Tutela del Patrimonio artistico e culturale delle Scuole d’Arte d’Italia oggi Licei Artistici – 23 ottobre 2015 – Sala Nullo Baldini – Palazzo della Provincia – Ravenna

23-10-2015 -ravenna liceo artistico carta di ravenna

foto Giampiero Corelli

LA CARTA DI RAVENNA

Il 23 ottoobre 2015, a Ravenna appuntamento d’eccezione per molti Licei Artistici d’Italia, da Trento a Noto per sottoscrivere LA CARTA DI RAVENNA, un documento per la tutela del patrimonio artistico e culturale depositato negli archivi dei Licei Artistici d’Italia. L’evento, organizzato dal Liceo Artistico Nervi – Severini in collaborazione con l’Associazione ESSIA, ha posto l’accento sul problema della salvaguardia dei beni che compongono il patrimonio didattico e artistico delle scuole tramandato dalle generazioni precedenti, soprattutto in quelle situazioni dove sussistono vocazioni territoriali, sul problema della conservazione di opere, di strumenti, di spazi laboratoriali, di conoscenze e competenze specifiche vanto tutto italiano del sapere artistico e artigianale.

Gli interventi susseguiti nella mattinata, moderati dal Presidente dell’Associazione ESSIA Vittorio Martini, sono stati tutti concordi sull’importanza fondamentale di conservare l’identità peculiare di una scuola legata al territorio di appartenenza assieme alla necessità di realizzare progetti che contestualizzano gli apprendimenti, sottolineata dall’intervento di Paolo Racagni per Ravennantica.

Conoscenze estetiche e manualità colta il binomio della giornata di studi, il sapere unito al saper fare finalizzato alla realizzazione di opere pensate da una mente che guida la mano, in equilibrio tra tradizione e innovazione. Il saluto introduttivo della Dirigente del Liceo Artistico di Ravenna prof.ssa Mariateresa Buglione, ha sottolineato l’esigenza di salvaguardia del patrimonio materiale e immateriale custodito nei licei artistici e del bagaglio di conoscenze e competenze di chi vi opera. In particolare, con riferimento alle possibilità offerte dai percorsi normativi inerenti alla individualizzazione e personalizzazione dei percorsi formativi degli allievi, si potrebbero utilizzare al meglio l’organico potenziato, l’alternanza scuola-lavoro e l’autonomia.

Si sono susseguite le relazioni di figure istituzionali come la dott.ssa Agostina Melucci Dirigente dell’USP di Ravenna che, portando i saluti dei Dirigenti dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna, ha sottolineato l’importanza che sia una scuola a farsi portavoce di un testo che è un documento culturale e pedagogico che qui raccoglie tanti dirigenti e docenti di varie provenienze geografiche. Marcello Landi, Presidente del Comitato Scientifico del Liceo Artistico, insiste sul problema di non disperdere il patrimonio delle scuole d’arte per non rischiare che scompaia nel giro di una generazione e, a tal fine, propone che si dedichi una settimana di scuole a porte aperte con l’allestimento di spazi espositivi e laboratoriali fruibili dal pubblico. L’onorevole Carlo Carli Vice Presidente di ESSIA si augura che i Ministeri di competenza prendano posizione sul problema con iniziative di carattere nazionale. Più forti le posizioni di Massimiliano Casavecchia, Direttore della Scuola Superiore di Studi sul Territorio, sulla conservazione della memoria collettiva delle scuole d’arte, come quelle degli onorevoli della 7ª Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei Deputati Elena Centemero e Irene Manzi che indicano nell’autonomia e nell’alternanza scuola-lavoro possibili soluzioni. Interessante la testimonianza in merito all’applicazione dell’autonomia esposta dalla Dirigente del Liceo Artistico Scuola del Libro di Urbino Bianca Maria Pia Marrè.

Al termine l’intervento della Dirigente Tecnica del MIUR dott.ssa Flaminia Giorda che informa sulla possibilità di creare soluzioni presentando progetti attraverso sinergie di rete. Conclude la mattinata la videotestimonianza di Luigi Berlinguer che, complimentandosi per l’iniziativa di Ravenna, dichiara come il pensiero sia alla base di ogni azione creativa.

Ospite d’eccezione al Convegno il Maestro Paolo Fresu presente a Ravenna con la moglie Sonia Peana anche per visitare la mostra dedicata all’Imperatore del jazz Carlo Bubani alle vetrine del Private Banking – Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. Si ringrazia l’onorevole Michela Montevecchi per l’augurio di buon lavoro inviato.

Dopo una breve pausa, aperitivo lunch offerto da Mariani Lifestyle, i convenuti si ritrovano nuovamente nella bella Sala Nullo Baldini del Palazzo della Provincia per integrazioni al documento La Carta di Ravenna inviata preventivamente in bozza a tutti i partecipanti. I lavori, coadiuvati dallo staff di allievi del Liceo Artistico di Ravenna, terminano alle 16.30. Coordinamento generale Elena Pagani in collaborazione con Laura Dalmonte, Stefania De Palma, Antonella Filipponi, Michela Perla, Serena Simoni e Paolo Taroni. In attesa di approvazione della Carta da parte dei Dirigenti di tutti i Licei Artistici coinvolti, i partecipanti si congedano dandosi appuntamenti a breve e medio termine: la consegna del documento al Convegno in esito del monitoraggio sui Nuovi Licei Artistici indetto dal MIUR per il 20 novembre prossimo e, in un secondo momento, la consegna al Ministro Dario Franceschini perché possa prendere atto del problema.

Ravenna 23 ottobre 2015

Dirigente Scolastico del Liceo Artistico Nervi – Severini di Ravenna prof.ssa Mariateresa Buglione

Presidente del Comitato Scientifico del Liceo Artistico Nervi – Severini di Ravenna prof. Marcello Landi

Presidente ESSIA Vittorio Martini

PROGRAMMA DEFINITIVO

CARTA DI RAVENNA Documento per la Tutela del Patrimonio artistico e culturale delle Scuole d’Arte d’Italia oggi Licei Artistici

CHARTA OF RAVENNA Document for the Preservation of the artistic and cultural Heritage of the Art Schools of Italy, today called Licei Artistici

ATTI del convegno Carta di Ravenna

VIDEOTESTIMONIANZA Luigi Berlinguer

E.S.S.I.A. Associazione Ex-Studenti Scuole e Istituti d’Arte

Presentata la CARTA DI RAVENNA al Convegno Nazionale La Nuova Identità del Liceo Artistico presso la Camera dei Deputati

Convegno La Nuova Identità del Liceo Artistico

Il Liceo Artistico Nervi – Severini di Ravenna ha partecipato, venerdì 20 novembre, al Convegno conclusivo del progetto nazionale La Nuova Identità del Liceo Artistico organizzato dal Liceo Artistico Rossi di Roma presso la Camera dei Deputati con l’obiettivo di elaborare un documento finale che fotografi nel modo più esaustivo possibile la situazione dell’istruzione artistica.

Gli interventi che si sono susseguiti hanno evidenziato esperienze e proposte emerse dai seminari territoriali recentemente svolti dai Licei incaricati dal Ministero di raccogliere riflessioni a un quinquennio dall’entrata in vigore della riforma.

Nel suo intervento, la Dirigente tecnica del MIUR dott.ssa Flaminia Giorda ha citato la Carta di Ravenna invitando i presenti a prenderne visione sul sito della scuola, il documento per la tutela del patrimonio materiale e immateriale dei Licei Artistici d’Italia con vocazione territoriale redatto nell’ambito del Convegno Nazionale del 23 ottobre scorso a Ravenna organizzato dal Liceo Artistico Nervi – Severini in collaborazione con l’Associazione ESSIA.

Manifesto Carta di Ravenna